Google+ Followers

lunedì 2 settembre 2013

Adoro farmi palpare... Passivamente



A seguito delle e-mail ricevute su g-mail (GRAZIE: mi fa MOLTO piacere riceverle!)  con qualche consiglio utile su come iniziare e soprattutto con quali argomenti, inizio a scrivere qualcosa.

Mi e' stato chiesto da diverse persone cosa mi eccita oggi visto che nel mio primo post avevo scritto che, con l'eta', mi ero "calmata" rispetto agli eccessi degli anni passati.

In realta' sono diverse le cose che faccio, soprattutto, insieme al mio compagno ma c'e' qualcosa che mi eccita molto fare "per i fatti miei": farmi toccare e palpare sui mezzi pubblici (ma non solo).

Premetto che sono assolutamente PASSIVA in tutto questo. Non faccio nulla per provocare o richiamare l'attenzione. Anzi. Rimango immobile al mio posto: che sia in piedi o seduta. Pero'... Pero'... Rimango altrettanto immobile quando qualcuno inizia a toccarmi. Mi eccita da impazzire sentirmi toccata ed esplorata da persone che, nella maggior parte dei casi, non vedo neppure perche' spessissimo sono dietro di me. Non VOGLIO vederli. Mi ecciterebbe di meno.

Amo sentire le mani che all'inizio mi toccano in maniera quasi "casuale" e divengono via via sempre piu' insistenti quando capiscono che non mi sposto e non reagisco.

Mi eccito tantissimo quando arrivano alle mie natiche o, se preferite, sul mio culo e poi scendono nel solco per avvicinarsi alla mia micia toccandola tramite la stoffa di un pantalone piuttosto che toccarla veramente quando porto una gonna e spostando le mutandine iniziano a toccarmi i peli della vulva e poi le labbra esterne. Mi bagno in maniera oscena.

Quando devo scendere lo faccio all'improvviso, senza voltarmi e di scatto. E se qualcuno prova a seguirmi sperando in qualcosa di piu'... Ci rimane molto male: la mia eccitazione finisce li. Non cerco e non mi interessa nessun incontro. Solo essere toccata senza vedere.

E' una perversione? Sono malata? Non lo so. Puo' essere. Non mi interessa. Godo!

La stessa cosa puo' accadere in un negozio o sul lavoro: mi eccito sempre come una cagna quando vengo palpata e toccata in luoghi pubblici. L'importante e' che nessuno provi ad andare oltre: la cosa deve finire li.

Un po' stronza? Non credo.

6 commenti:

  1. Ciao Carlotta
    Una fantasia molto intrigante, mi piacerebbe che ci raccontassi l'ultima volta che ti è successo.

    P.S.
    Immagino che la cosa avvenga su un mezzo affollato, magari all'ora di punta.
    Vorrei essere lo stupito spettatore della scena. Mi piacerebbe che, con il viso arrossato dal piacere, ti accorgessi dei miei sgaurdi e che dopo qualche istanti di imbarazzo non facessi nulla per negarti alle morbose attenzioni dello sconosciuto.
    Vorrei osservare la scena in silenzio, eccitato, lasciando che i miei occhi scivolino su di te come una carezza suadente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla 91 a Milano e' capitato spesso. Alla sera soprattutto. In metropolitana idem.

      Le cose positive le ho raccontate nel post qui sopra.

      Quelle negative sono state un paio di volte: mi sono accorta di avere delle macchie biancastre e incrostate su gonna e collant

      Elimina
  2. ciao Carlotta
    una fantasia che dire eccitante mi pare riduttivo....cosa che per me comunque rimarrà sempre nei pensieri erotici che ogni tanto mi sfiorano, perchè proprio non ne sarei capace vista la mia imbarazzante timidezza nel prendere questo tipo di iniziative anche se devo ammettere che al solo pensiero di trovarmi in una situazione come quella che tu hai descritto mi farebbe arrapare e non poco...

    RispondiElimina
  3. Ela estava gostando aqui no brasil tem muito isso
    Disk sexo

    RispondiElimina
  4. Ela estava gostando aqui no brasil tem muito isso
    Disk sexo

    RispondiElimina
  5. BELLA CARLOTTA POTRETI OSARE DI *...

    RispondiElimina